UN DIRETTORE DI BASSA LEGA

di Carmela Moretti

“È bene parlare solo quando si deve dire qualcosa che valga più del silenzio”.

Questo è il primo dei “principi necessari per tacere”, elencati in un efficace libellus dell’Abate Dinouart, ecclesiastico poligrafo del XIII secolo. È ritornato alla nostra mente proprio oggi, quando abbiamo letto su tutti i giornali che Vittorio Feltri ancora una volta ha perso una straordinaria occasione per tacere, dando prova di mancanza di misura e padronanza di sé.

Infatti, se la parola iperbolica, spropositata, talvolta sconveniente è pane quotidiano della tv, dei social network e di certa politica, il silenzio – inteso come meditazione prudente e penetrante – non può non essere l’arte di coloro che nella vita scelgono di occuparsi di informazione e cultura.

Feltri, con il suo attacco rivolto a Camilleri (“finalmente non vedremo più in televisione Montalbano, un terrone che ci ha rotto i coglioni”) ha purtroppo mostrato di non aver maturato, alla bella età di 75 anni, quella saggezza socratica che si confà agli uomini di penna: vale a dire, l’umiltà di stare zitti quando si rischia di risultare avventati, sgradevoli, imprudenti.

E avventato il direttore di Libero purtroppo lo è stato, nel momento in cui ha dimenticato che autore e personaggio letterario non sempre coincidono e che con uno non è detto che sparisca anche l’altro. Montalbano è nel cuore degli italiani tanto quanto Camilleri: probabilmente sopravvivrà al suo ideatore, come don Abbondio a Manzoni.

Sgradevole lo è stato altrettanto, nel momento in cui si è lasciato trasportare dalla passione brutale di fare considerazioni su un uomo ricoverato in prognosi riservata, dando prova – dopo razzismo, sessismo e maschilismo – anche di mancanza assoluta di compartecipazione.

E l’imprudenza l’ha raggiunta, sicuramente con cognizione, giacché a furia di perdere contegno per acchiappare lettori (opportunismo tipico di un certo tipo di informazione) è uscito spudoratamente dai confini deontologici, cioè dall’insieme di regole che gestiscono l’attività di ogni giornalista.

Quest’ultima, professione complessa e straordinaria, che richiede mille e mille competenze, cominciando pur sempre da un controllo assiduo della convenienza delle proprie parole.

Precedente "LAND" DI BABAK JALALI IN ANTEPRIMA REGIONALE ALL'ARENA VIGNOLA DI POLIGNANO Successivo "THE ROUND TRIP", IL NUOVO ALBUM DI CESARE PASTANELLA

Un commento su “UN DIRETTORE DI BASSA LEGA

  1. Sarina il said:

    L’amore per Camilleri e Montalbano è sbocciato in me tanti anni fa, prima con la lettura dei libri del Maestro, poi con la visione dei film tratti da essi. Si è allargato, questo amore, alla Sicilia e alla sua lingua, concretizzandosi in un viaggio meraviglioso, risalente ormai a quasi vent’anni fa, ma scolpito indelebilmente nella mia memoria. Questo è quel che conta, per me. Feltri, invece, non conta nulla, anzi, diventa sempre più fastidioso, perdendo ogni volta l’occasione di tacere…

Lascia un commento