“E SORRIDERE ALLA VITA”, L’ULTIMO EP DI LORENZO TARANTINO

di Ersilia Cacace

Fisico asciutto, occhi grandi da poeta, un pianoforte in una fresca mattina di settembre, Lorenzo suona e improvvisa una canzoncina buffa. Si congeda dallo strumento con un sorriso.

Adesso è il momento di dedicarmi esclusivamente alla chitarra per raggiungere alti livelli, ma un giorno ricomincerò a studiare anche il pianoforte se il tempo me lo permetterà” dice. Anche se in effetti suona già la chitarra egregiamente perché, Lorenzo Tarantino si è diplomato in Chitarra Classica nel 2005 presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, da privatista e autodidatta e nel 2008 ha partecipato ad Umbria Jazz frequentando i Corsi BERKLEE ed esibendosi in diversi concerti.

Lorenzo è un musicista generoso, lo possiamo incontrare a Milano mentre esegue le sue performance come artista di strada. Nei suoi gesti scorgiamo un’anima “teatrale”, infatti da bambino ha assimilato quel mondo: “Fin da piccolo sono cresciuto vivendo anche il dietro le quinte degli spettacoli teatrali che i mie zii mettevano in scena all’epoca e poi dall’età di 12 anni ho cominciato a suonare le musiche di scena dal vivo.”

Nel video “Sonata Spaziale in Do maggiore” sua composizione strumentale e video d’esordio, lo vediamo artista di strada trascinare i passanti in un coinvolgente flash mob . Nel video ufficiale del brano “Mille” tratto dall’ultimo EP di Lorenzo Tarantino “E sorridere alla vita” ne possiamo apprezzare le qualità canore.

Lorenzo, puoi parlarci del tuo recente lavoro discografico?
Il mio primo EP dal titolo “E sorridere alla vita “ è un primo assaggio di un lavoro ben più ampio e che comprende altri 12 brani che ho deciso di pubblicare come singoli , uno ogni due mesi circa su Spotify e su tutti gli store digitali.
I 4 brani dell’ EP sono “E sorridere alla vita “ che è una poesia trasformata in musica, nella quale esorto a non abbattersi mai, anche quando tutto appare buio e tenebroso.
“Mille” è anch’ essa nata come una poesia riflessiva in cui ho voluto dare voce agli ultimi, ai dimenticati, ai poveri denunciando diversi aspetti negativi del genere umano.
“Monsieur Verghèn” narra le gesta di questo signore, abitante di un fantomatico borgo medievale, che pur se privo del dono della parola, seduce e ammalia cortigiane, dame e contadine. Quale sarà il suo segreto? È questo ciò che tutto il borgo vorrebbe sapere.
“Protego Totalum” mi è stato ispirato dalla seconda parte dell’ultimo film della saga di Harry Potter dal titolo “ I doni della morte”.
Questo link è per ascoltare gratuitamente i suoi brani su Spotify:
https://open.spotify.com/artist/28jVix4ghBvsEgKSCpuiyq?si=ckCIS0CHSfqgAl-5x4kqsg&fbclid=IwAR3Ti6KOQYAXYBOgnKJQR16FZim-_-fuzcgMK-mCkHdJXLuQa07c5vRBz3E

Dove acquistare “E sorridere alla vita” il suo ultimo EP:
https://www.amazon.it/Sorridere-Alla-Vita-Lorenzo-Tarantino/dp/B079MMJZCR?fbclid=IwAR1qq-rOPIY-o_BIXzQKDD4h46PemaVXu3qt6jAN-QnBO-8hvtBrqhSkgGk

Ringraziamo il maestro Lorenzo Tarantino, e ci congediamo da lui ricambiando il suo sorriso gentile, un musicista di talento tutto da scoprire.

Precedente IL FASCINO MISTERIOSO DEI “PRERAFFAELLITI”: ANCORA UNA POTENTE MOSTRA D'ARTE A MILANO Successivo "LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO", REGIA DI KARIM AÏNOUZ - BRASILE, 2019

Lascia un commento